13 febbraio 1867 – Vienna: prima esecuzione del valzer “Blue Danube” di Johann Strauss jr

“An der schönen blauen Donau” op. 314, per noi meglio noto come “Sul bel Danubio blu” di Johann Strauss jr, il valzer che tutti hanno ballato almeno una volta, anche solo con la mente, compie 152 anni.
Nonostante fosse figlio d’arte, Johann Strauss figlio dovette lottare molto per assecondare il suo talento.
Il padre, celebre compositore e direttore d’orchestra, il cui nome sarà per sempre associato alla Radetzky-Marsch op.228, quella con cui il pubblico si diverte a scandire il tempo con le mani, lo voleva bancario. Fu la madre Anna ad aiutarlo ad aggirare il divieto del padre, e Johann jr prese lezioni di musica proprio dal primo violino dell’orchestra di suo padre, Franz Amon.
Si dice che quando il padre lo seppe, scaraventò a terra il violino del figlio e lo mandò in pezzi, e ad andare in pezzi fu anche il matrimonio tra Johann Strauss padre e Anna Streim. La strada era in salita, ma ne valse la pena, se col tempo ottenne una fama e un prestigio tali da incoronarlo signore indiscusso della musica da ballo.
Già dopo le prime esibizioni pubbliche, nel 1844, la sua popolarità fu tale che nonostante il timore di offendere Strauss padre, numerosi locali si contendevano la sua presenza alle serate danzanti. Il posto lasciato vacante da Joseph Lanner, uno dei padri fondatori del valzer viennese, era destinato proprio a lui, e questo portò l’umorista Franz Wiest a scrivere: “Buona notte, Lanner! Buona sera Strauss padre! Buon giorno, Strauss figlio!”

Fonte : Giulia Cucciarelli http://quinteparallele.net/2017/01/24/storia-bel-danubio-blu/

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.