14 novembre 1951, il Polesine sotto l’acqua del Po

Nella provincia di Rovigo, tra i comuni di Occhiobello e Canaro, il fiume Po rompe gli argini ed inonda il Polesine. La superficie allagata è di circa 100.000 ettari, pari al 50% del Polesine, mentre i profughi costretti a lasciare le proprie case sono 190.000. Quest’episodio sarà il motivo dei più grandi decrementi demografici della storia italiana.

(tratto da www.teleborsa.it)

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.