15 gennaio 1969 – L’Unione Sovietica lancia la Sojuz 5

ojuz 5 era una parte della missione congiunta svoltasi quale volo di coppia con la Sojuz 4. Entrambe le navicelle spaziali sovietiche si trovavano contemporaneamente nell’orbita terrestre ed erano equipaggiate da quattro cosmonauti in totale.

Le due navicelle spaziali si agganciarono il 16 gennaio 1969.

Fu la prima volta nella storia dell’esplorazione spaziale umana che una manovra di aggancio di due navicelle spaziali equipaggiate riuscì. Le capsule erano collegate sia per la strumentazione elettronica come pure per quella meccanica, ma non erano dotate di un tunnel di collegamento per consentire il passaggio diretto dei cosmonauti da una navicella  all’altra. L’agenzia di stampa sovietica ITAR-TASS annunciò:

“…si trattò di un aggancio reciproco delle due navicelle… ed i loro circuiti elettrici erano collegati. Pertanto erano diventate le prime stazioni spaziali esperimentali del mondo, composte da quattro reparti per gli equipaggi tra di  loro collegati. La stazione iniziò immediatamente a lavorare…”

Aleksej Eliseev ed Evgenij Chrunov iniziarono a prepararsi  per la passeggiata spaziale immediatamente dopo l’aggancio delle due capsule. Boris Volynov, destinato a rimanere a bordo della Sojuz 5, registrava le immagini filmate come i suoi compagni di missione indossavano le apposite tute spaziali chiamate Ястреб – Jastreb (astore).

Fonte Wikipedia

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.