16 giugno 1977 – Leonid Brežnev diventa presidente dell’URSS

Leonìd Il’ìč Brèžnev (in russo: Леонид Ильич Брежнев, in ucraino: Леонід Ілліч Брежнєв; Kamenskoe, 19 dicembre 1906 – Mosca, 10 novembre 1982) è stato un politico e militare sovietico. Fu segretario generale del Partito Comunista dell’Unione Sovietica e, de facto, capo dell’URSS, dal 1964 al 1982, benché il suo potere sia stato esercitato, all’inizio del suo mandato, in concorso con altri esponenti del Politburo tra cui Kosygin, Podgornyj e Suslov.

Durante i lunghi anni alla guida del paese costruì un intricato sistema di controllo, quasi di tipo feudale, del PCUS, alimentando l’apparato burocratico (cerniera tra il partito e lo stato) e realizzando, soprattutto nella parte finale della propria parabola politica, un equilibrio formato da personalità a lui fedeli tali per cui, nella fase del passaggio delle consegne alla guida del Soviet, egli non temesse altro che il proprio stesso deperimento fisico (che si dimostrerà sempre più un handicap sin dalla prima metà degli anni settanta, a causa delle diverse e severe patologie che lo colpiranno).

Cooptando nella nomenklatura personaggi a lui legati da vincoli di amicizia, di parentela o di interessi favorì anche l’incremento della corruzione e dei privilegi, acuendo la distanza tra il partito e la società civile, che subiva la repressione del regime. Attraverso il ruolo degli intellettuali (Solženicyn e Sacharov), tale divario contribuiva a diffondere un’immagine brutale dell’URSS all’estero e a minarne la credibilità agli occhi del mondo.

Fu segretario generale del Partito Comunista dell’Unione Sovietica dal 1964 al 1982, e due volte a capo del Praesidium del Soviet supremo (capo dello stato), dal 1960 al 1964 e dal 1977 al 1982. Sotto il suo governo si acuirono le tensioni tra Occidente e mondo comunista, come nel caso della Primavera di Praga e dell’invasione dell’Afghanistan. La sua morte aprì il lento, ma costante percorso di liberalizzazione delle strutture dell’URSS guidato da Michail Gorbačëv.

(fonte Wikipedia)

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.