24 marzo 1944, l’eccidio delle Fosse Ardeatine

Le truppe della Germania nazista compiono l’eccidio delle Fosse Ardeatine: 335 prigionieri, tra civili e militari italini, vengono fucilati come atto di rappresaglia all’attentato di via Rasella, avvenuto il giorno prima contro le truppe tedesche. Si racconta che quando Hitler seppe dell’uccisione dei suoi militari reagì ordinando la distruzione totale di Roma.

(tratto da www.teleborsa.it)

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.