26 gennaio 1905, rinvenuto il diamante più grande della storia

Quando l’imprenditore Thomas Cullinan acquistò, in Sudafrica, un terreno al prezzo contenuto di 52mila sterline, non immaginava che qualche anno dopo avrebbe guadagnato tre volte tanto, dalla vendita di un tesoro nascosto lì sotto e che aspettava solo di essere portato alla luce.
Trasferitosi nella periferia di Pretoria, qui aveva messo gli occhi sui terreni di un certo Williem Prinsloo, che fino alla morte aveva detto no a qualsiasi proposta di acquisto. Lui ci riuscì comprando la Elandsfontein farm dagli eredi di Prinsloo, alla modica cifra di 52mila sterline. Nel contempo, fondò nel dicembre del 1902 la Premier Diamond Mining Company, una società per la ricerca e l’estrazione dei diamanti.
Tre anni più tardi, un giovedì di gennaio, il responsabile della miniera, Frederick Wells fu attirato dai riflessi luminosi emanati da qualcosa che spuntava dalla roccia, a nove metri dalla superficie. All’inizio pensò a uno scherzo di qualche minatore, tanto che lo mandò ad analizzare convinto che si trattasse di un cristallo di scarso valore. Si sbagliava!
Più tardi apprese che era entrato in possesso di un diamante grezzo, trasparente e incolore, del peso di 3.106 carati (0,62135 kg). Niente di simile era mai capitato tra mani umane. In onore del suo legittimo proprietario, presente al momento del ritrovamento, gli venne dato il nome di Cullinan. La notizia si diffuse rapidamente e non passò molto tempo prima che arrivasse un’offerta d’acquisto da parte del Governo sudafricano, che versò a sir Thomas 150mila sterline.
In segno di ulteriore pacificazione dopo il lungo periodo di guerra, il prezioso minerale fu donato al re d’Inghilterra Edoardo VII, nel novembre del 1907, in occasione del suo sessantaseiesimo compleanno. Per le delicatissime operazioni di taglio della pietra venne incaricata una compagnia olandese, la Asscher’s Diamond Co., specializzata nel taglio di gemme con elevate carature.
Fu così che dal Cullinan originario si ricavarono 9 pietre principali, 96 pietre minori e 9,50 carati di grezzi. La prima della nove pietre principali, ribattezzata Cullinan I, con forma a goccia, fu incastonata nello scettro reale tra i gioielli della corona inglese. Da quel momento divenne celebre con l’appellativo di Star of Africa.
(tratto da http://www.mondi.it)

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.