3 maggio 1937: “Via col vento” vince il Premio Pulitzer

Era il 3 maggio 1937, quando Margaret Mitchell si aggiudicava, con il fortunato romanzo “Via col vento”, il prestigioso Premio Pulitzer. L’opera prima, e unica, della Mitchell era arrivata nelle librerie americane l’anno precedente, il 30 giugno 1936. E in meno di due settimane aveva polverizzato ogni record di vendite, conquistato i severi critici letterari e consacrato l’autrice ai massimi livelli della letteratura. Un mese dopo le copie vendute erano oltre duecentomila, sei mesi più tardi un milione, mentre gli editori di tutto il mondo facevano a gara per accaparrarsi i diritti internazionali. In pochi mesi “Via col vento” si rivelò essere il primo caso editoriale planetario.

L’exploit nelle librerie attirò l’attenzione di Hollywood e in pochi giorni il produttore indipendente David O. Selznick, battendo sul tempo le Major, si aggiudica i diritti cinematografici. Il resto è storia: il melodramma in technicolor, ambientato durante la guerra di secessione e firmato – non senza qualche colpo di scena – dal regista Victor Fleming, conquistò ben otto premi Oscar (più due speciali) e il pubblico di tutto il mondo, grazie al suo splendido cast (da Vivien Leigh a Clarke Gable, a Olivia de Havilland) stabilendo un record di incassi che resistette per molto tempo.

Fonte: iodonna.it

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.