9 agosto 1974 – Richard Nixon, 37º presidente degli Stati Uniti, si dimette dall’incarico

Richard Milhous Nixon, nato in California nel 1913, è stato il 37° presidente degli Stati Uniti e ha ricoperto l’incarico dal 1969 fino alle sue dimissioni nel 1974, legate allo scandalo Watergate.

In politica estera viene ricordato particolarmente per aver posto fine alla guerra in Vietnam e per aver ridotto le tensioni con la Cina e l’Unione Sovietica. Per quanto riguarda la politica interna, invece, Nixon è stato un presidente piuttosto duro nei confronti dei movimenti per i diritti civili. Durante il primo mandato ha combattuto la forte inflazione con il blocco dei salari, dei prezzi e degli affitti per 90 giorni e ha eliminato alcune delle misure assistenziali introdotte dal presidente Lyndon Johnson.

Nel 1973, un anno dopo la sua rielezione, alcuni uomini legati comitato di rielezione di Nixon furono processati per aver fatto irruzione nella sede centrale del Partito democratico nel palazzo Watergate di Washington nel 1972, creando un sistema di intercettazioni. In seguito si scoprì che Nixon era a conoscenza dell’affare Watergate e che aveva cercato di impedire le indagini cercando di nascondere le prove dello scandalo, in modo da non essere incriminato dal Senato (impeachment). Dopo aver ammesso di essere a conoscenza dei fatti, Nixon si dimise l’8 agosto 1974, diventando il primo e unico presidente USA costretto a dimettersi prima della fine del suo mandato.

Fonte: www.studenti.it

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.