Massimo Lopez e Tullio Solenghi Show: bravi…bravissimi!

di Giuseppina Mangione

Due gentiluomini della comicità, eleganti ed ironici; due istrioni del palcoscenico, affiatati e complici come la migliore delle coppie: Massimo Lopez e Tullio Solenghi.
L’ordine è alfabetico perché le doti e la bravura si eguagliano e nella divisione dei ruoli ognuno è fondamentale per costruire il puzzle di sketch, canzoni e imitazioni che compongono lo spettacolo.
Due ore di intrattenimento secondo i canoni del miglior varietà; una delizia che ha coinvolto e divertito il pubblico del Teatro Vittorio Emanuele, al gran completo.
Venerdì 14 febbraio è andata in scena la prima delle tre repliche dello show che ha ricongiunto la coppia Lopez-Solenghi, dopo 15 anni di separazione “consensuale”.
Si comincia con sberleffi reciproci sul tempo “riesumato” e su alcune remote, non eclatanti, performance televisive (il cangurotto), poi si passa dall’intrattenimento swing di Lopez ad un classico del teatro: il monologo di Amleto-Solenghi nelle versioni inglese, francese, russa e spagnola.
Il duetto Paoli-Vanoni cede il posto ad uno strepitoso Modugno-Lopez, che si trasforma in Patty Pravo che da “E dimmi che non vuoi morire” arriva a “Fammi crescere i denti davanti”. Il momento della spiritualità, ossia l’incontro tra i due Papi, e la chiacchierata tra Mughini e Costanzo sono “pezzi” da manuale: perfetti, esilaranti. Non si ferma mai la giostra dei personaggi;  si ritrovano Pertini, Prodi, Berlusconi, Di Pietro e un “novello” Conte con le sue “risposte…senza le domande”!
I due funamboli del palcoscenico alternano canzoni e gag con tale sicurezza da non lasciare un attimo di vuoto, è un susseguirsi di piccoli e grandi gesti di bravura che la musica accompagna e sottolinea. È l’indispensabile apporto della Jazz Company composta da Valerio Beffa al sax, Caterina Comeglio alle percussioni e voce, Marco Serra alla batteria, Ezio Rossi al basso e Fabio Gangi alle tastiere.
Lopez e Solenghi sono una coppia eccellente con un “suggeritore” straordinario: Anna Marchesini.
“Anche stasera che ripetiamo questo nostro magico gioco, tu sei ancora qui, accanto a noi, Anna” dicono al pubblico.
In questa maniera, ricordando che è con loro – nella tournée della vita – quella donna e attrice speciale che è Anna Marchesini, le fanno arrivare l’applauso pieno e affettuoso – anche – del Teatro Vittorio Emanuele di Messina.
Anche per questo, bravi …. bravissimi.

https://www.facebook.com/pg/agorametropolitana/

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.