Kontiland, a Savoca la Sicilia in miniatura

di Giuseppe Spanò

Si chiama Kontiland il parco artistico culturale, ideato da Giuseppe Lo Conti, ed immerso nel verde di Savoca, un luogo che permette di stare a contatto con la natura e passeggiare esplorando il patrimonio artistico, storico e architettonico della Sicilia.

Al suo interno, attraverso un percorso delimitato da una traccia, tante miniature dei più importanti monumenti dell’isola, riprodotti in scala da 1:15 a 1:50, consentono al visitatore di studiarli, ammirarne la forma e la struttura; dal teatro antico di Taormina al museo del sale di Trapani, passando per il ponte dei Saraceni di Adrano e la cattedrale di Noto.

Per ogni provincia sono presenti alcune delle maestose opere architettoniche, disposte rispettando la posizione effettiva che le stesse hanno realmente all’interno dei confini regionali.

Uno sguardo speciale spetta al Duomo di Messina, la prima miniatura realizzata dall’artista, che possiede tutti i tratti distintivi caratteristici dell’originale con la facciata sormontata dalla merlatura, la parte inferiore è decorata con i marmi e la parte superiore in pietra ed accanto il campanile con l’orologio astronomico.

“E’ possibile visitare la Sicilia in poco più di 2 ore e vedere tutti i suoi monumenti più belli e più importanti – afferma Giuseppe Lo Conti – che sono stati ricreati con modelli fedeli agli originali e dislocati nel parco artistico-culturale Kontiland. Ci troviamo a Rina, frazione di Savoca, alle spalle della chiesa di Santa Rosalia, ed ho voluto ideare un parco culturale nell’ambito di un progetto che è ancora in itinere e che ha richiesto tanto lavoro. Ogni anno cerco di arricchire il sito con la realizzazione di due o tre monumenti siciliani in modo che alla fine si potrà ammirare un parco ancor più ricco di quello attuale. I primi cinque anni li ho dedicati alla creazione di buona parte dei monumenti presenti ed ho iniziato esattamente con il Duomo di Messina; in principio, anche per la poca esperienza con la tecnica di miniaturizzazione, ho impiegato dieci mesi, successivamente ho acquisito dimestichezza ed adesso riesco a completare un’opera anche in quattro mesi”.

Il parco è aperto tutti i giorni, escluso il lunedì, dalle ore 9.00 al tramonto.

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.