La rinascita del turismo crocieristico messinese

di Aurora Ricciardi, Angelica Stagnini, Alex Fiordilino, Roberto Simon, Francesco Pino
III as del Liceo “Seguenza” di Messina – Progetto Alternanza Scuola-Lavoro

 

Anche quest’anno la città di Messina è stata protagonista di un incremento del numero degli approdi delle navi da crociera. Oltre alla promozione del territorio e alla creazione di una fitta rete di attrazioni, le previsioni sono sicuramente positive, infatti si prevede un incremento dei turisti pari a +36% rispetto agli anni precedenti, come dichiarato da Leonardo Massa, Country Manager Italia di un importante compagnia navale.

Questo testimonia l’importanza che riveste questa città nelle strategie delle nuove navi da crociera, un dato che non può che far piacere ed incoraggiare l’operato di tutti gli operatori turistici. Un’importante inversione di tendenza, considerato che fino a tempi recenti, Messina era considerata più che una meta turistica, una località di passaggio. Questa situazione sta modificandosi grazie all’arrivo nel porto messinese delle navi appartenenti ai maggiori gruppi navali ed al conseguente turismo crocieristico. Si tratta di navi particolarmente imponenti, alcune delle quali sono il “fiore all’occhiello” della cantieristica nautica italiana; costruite per accogliere migliaia di persone e per offrire ogni genere di comfort e innumerevoli possibilità di svago. La Meraviglia, ad esempio, ospita 4500 passeggeri, la Royal Princess 3600, la Celebrity Reflection 3500. È nella filosofia delle crociere coniugare i momenti di relax, durante la traversata, alle escursioni culturali per conoscere le mete di attracco.

La “Seaside” nave da crociera varata il 29 novembre 2017

Numerosi i luoghi di interesse offerti dalla città di Messina, solo per citarne alcuni: il Duomo, risalente al 1200 con l’annesso campanile dotato di un orologio astronomico che si aziona ogni giorno alle 12. Inoltre nella città sono presenti mezzi destinati al trasporto dei turisti, come i trenini o i famosi bus “sightseeing” che durante il percorso turistico forniscono informazioni e accurate descrizioni dei monumenti e degli edifici che si incontrano nel corso della visita; in più è possibile effettuare una visita della città per mezzo di carrozze trainate da una coppia di cavalli, un’attrazione che offre la possibilità di apprezzare le bellezze cittadine da una prospettiva “retrò”.

I crocieristi hanno la possibilità, a bordo delle navi, di acquistare un pacchetto che permette loro di visitare altre zone interessanti come Taormina e Tindari, due località rinomate per le bellezze architettoniche e paesaggistiche. Per fare un esempio nel Santuario di Tindari al cui interno è custodita la statua della Madonna Nera, le cui origini sono legate ad una leggenda, secondo la quale la scultura, trasportata per mare, fu sbarcata in quel luogo perché la nave, fermatasi nella baia dei “Laghetti di Marinello” a causa di una tempesta, non riusciva – incomprensibilmente – a prendere il largo. In conclusione, si può sicuramente affermare che l’incremento del turismo crocieristico rappresenta una realtà che si va consolidando e che offre, ogni giorno di più occasioni di crescita per la città di Messina e per tutto il territorio messinese.

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.