“Maggio dei Libri” 2018, presentazione del libro “Misteri e Segreti di Florence T. Trevelyan” di Daniele G.C.M. Chirico

“Il Maggio dei Libri 2018”, la campagna nazionale promossa dal Centro per il Libro e la Lettura del MiBACT (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo), ha avuto inizio il 23 aprile, su tutto il territorio nazionale, in occasione della Giornata Mondiale del Libro. La Città Metropolitana di Messina, che anche quest’anno ha aderito alla VIII Edizione, ha dato inizio agli eventi con la presentazione del volume “Misteri e Segreti di Florence T. Trevelyan” di Daniele G.C.M. Chirico, edizioni Memoranda. L’incontro con l’autore si è svolto nella Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “Lucio Barbera” alle ore 10.00, ed ha visto fra gli altri la partecipazione degli studenti del Liceo G. La Farina e dell’Istituto A.M. Jaci.
Il libro narra l’affascinante storia della filantropa inglese Florence T. Trevelyan che, arrivata a Taormina nel 1884, vi ideò e progettò il primo modello europeo di “Città-Giardino” ispirato da ricerche illuministiche, trasformando la cittadina in un luogo rinomato e visitato da artisti, pittori, fotografi, scrittori, poeti, principi e nobili aristocratici. Nel 1890 Florence sposa Salvatore Cacciola, sindaco di Taormina e col tempo compra alcuni terreni dove appunto intraprende la creazione di un giardino in stile inglese, che lei chiamava “Hallington Siculo”. Nel giardino furono collocate diverse specie di piante rare e fu adornato da piccoli edifici fantasiosi, le cosiddette victorian follies, costruiti con mattoni e diversi generi di pietre. Dopo la morte di Florence il giardino di “Hallington Siculo” fu donato alla città. “Misteri e segreti di Florence T. Trevelyan”, di Daniele G. Chirico, è un libro consigliato a chi è appassionato al genere storia, storia locale o a chi ama leggere di archeologia.

Ma la storia è anche carica di mistero come si presagisce dal titolo e come lascia intravedere un paragrafo:
Per oltre un secolo la sua vera storia è stata nascosta e poi mistificata. Oggi – però – i suoi segreti, i suoi misteri e i suoi innumerevoli messaggi cifrati vengono finalmente tradotti e svelati. Artisti, politici, poeti, scrittori, imprenditori e nobili aristocratici, tutti uniti in nome della Massoneria, accorsero da lei. Tuttavia, la sua morte non è chiara e si presta a molte ipotesi: venne eliminata? Intrighi, tradimenti, esoterismo, teosofia, ipnotismo, illuminismo, i Rosacroce ma… “Molti di quelli che dormono nella polvere della terra si risveglieranno; gli uni per la vita eterna, gli altri perla vergogna e per un’eterna infamia” (Dn 12,1-3).

Nella stessa giornata l’autore ha presentato anche un’altra sua opera dal titolo “Tra la Vita e la Morte nel Paradiso perduto” che narra sempre di Taormina ai tempi di Lady Florence T. Cacciola Trevelyan.

Lascia un commento

*