MuMe, i “Figli d’Arte Cuticchio” in scena con “L’Ira di Achille”

di Giuseppe Spanò

Dopo sei mesi di stop alle attività teatrali a causa dell’emergenza coronavirus, l’associazione “Figli d’Arte Cuticchio” torna in scena con una nuova produzione.

“L’ira di Achille” dall’Iliade di Omero, adattamento scenico e regia di Mimmo Cuticchio, con Mimmo e Giacomo Cuticchio, Tania Giordano, Marika Pugliatti ed Emanuele Salamanca, al suo debutto, va in scena domenica 6 settembre alle 21.00 nel piazzale del Museo regionale di Messina (MuMe).

Lo spettacolo è promosso dall’assessorato regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana. Nello spettacolo l’azione si svolge su tre piani scenici: gli uomini-pupi, i sacerdoti-pupari e gli dei-attori. L’attrice Marika Pugliatti, oltre a dare la voce ad alcuni personaggi femminili, interviene come dea. Sue sono le parti di Atena, Venere e Teti.

Emanuele Salamanca, invece, costruttore di pupi di scuola catanese, si unisce alla compagnia per la manovra dei pupi a partire dall’indovino Calcante, Tania Giordano, coinvolta nel duplice compito di scenografa e costumista, si muove tra le quinte anche come maniante. Mentre le voci dei ruoli maschili sono di Mimmo e Giacomo Cuticchio che ha scritto anche le musiche dello spettacolo, eseguite dal vivo da un gruppo di musicisti: Alessandro Lo Giudice al flauto traverso, Paolo Pellegrino al violoncello, Nicola Mogavero al sassofono baritono, Giulia Lo Giudice alle percussioni e Roberta Casella all’arpa.

L’epica si fonde con il contemporaneo in una messa in scena che vede in azione nuovi pupi creati sulle figure dei greci e dei troiani, nel rispetto di quei canoni tradizionali che la Famiglia Cuticchio si tramanda di generazione in generazione. Analogamente, strumenti antichi e moderni vengono armonizzati nella colonna sonora creata da Giacomo Cuticchio che accompagna, in una progressione dialettica, i fatti rappresentati, seguendone i ritmi di improvvisazione tipici del teatro dei pupi. La scelta di scrivere le musiche per un variegato organico (flauto traverso, violoncello, sassofono baritono, percussioni, vibrafono ed arpa), ha consentito al compositore di generare atmosfere e contesti differenti, congeniali ad una variopinta messa in scena dove uomini e dei convivono insieme per dar vita a una delle più incredibili storie mai scritte.

“Cercheremo di narrare i sentimenti degli uomini – afferma Mimmo Cuticchio – dall’amore all’amicizia, dall’odio alla giustizia, dalla compassione alla gratitudine, con tutte le sfumature a loro collegati. Il nostro lavoro li evidenzia secondo lo stile e le tecniche di recitazione insite nel teatro dei pupi. Fra tutti i sentimenti, propendiamo che arrivi forte l’amore per la vita e la pietà per chi muore”.

La storia, ispirata a uno dei passi più famosi dell’Iliade di Omero, racconta di Paride, figlio di Priamo re di Troia, che rapisce Elena, moglie di Menelao re di Sparta. I greci si riuniscono e decidono di dichiarare guerra ai troiani. Comandante in capo è Agamennone, re di Micene e fratello di Menelao. Tra i guerrieri ci sono Ulisse, Aiace Oileo, Aiace Telamone, Antiloco, Diomede, Menelao, Nestore, Patroclo, Achille e l’indovino Calcante. Le navi greche approdano sui lidi di Troia, lungo tutta la costa. Il re Priamo riunisce i suoi figli e gli alleati e affida il comando della difesa della città al primogenito Ettore.

I posti disponibili sono 140 ed è richiesta la prenotazione obbligatoria entro le ore 12:00 del giorno 06 settembre da effettuare inviando una e-mail a maria.mercurio@regione.sicilia.it oppure: museo.messina.uo3@regione.sicilia.it

Si precisa che nella e-mail di prenotazione dovrà essere indicato nome, cognome, data di nascita, numero di telefono e autocertificazione che attesti se il richiedente sia persona singola ovvero coppia convivente o gruppo fino a quattro unità conviventi nel rispetto delle norme anticontagio del Covid-19. Il modulo di autocertificazione dev’essere allegato alla richiesta di prenotazione inoltrata via mail. L’assenza del modulo di autocertificazione comporta la nullità della richiesta alla quale non seguirà risposta. La conferma di prenotazione con relativa assegnazione del posto, avverrà con mail di risposta.

L’autorizzazione all’accesso con assegnazione di posto è individuale e non è cedibile pena la decadenza. Non saranno tenute in considerazione prenotazioni carenti di dati e non si accettano integrazioni alla prenotazione già comunicata.

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.