Pirchì lu sceccu havi l’aricchi longhi

Pirchì lu sceccu havi l’aricchi longhi

 

Quannu u Signuri lu munnu criò
ad ogni animali lu nomu assignò.
Spiò lu sceccu : “Comu mi chiamu ?
un bellu nnomu, Signuri, spiramu”.
“Si, certamenti, ma ‘un mettiri bbeccu,
è un bbellu nnomu, ti chiami Sceccu”.
Tuttu cuntentu lu sceccu si nn’iu
e di la vista prestu spiriu.
Ma, strata strata, lu nnomu scurdò
e nnô Signuri cu prescia turnò.
“Oh Signuruzzu, non sacciu chi fu,
ma lu me nnomu ntà testa ‘un cc’è cchiù”.
“Sceccu ti chiami”, dissi u Signuri,
“tènilu a menti, fammi u favuri”.
Nautra vota lu sceccu si nn’iu
e di la vista prestu spariu.
E pj ‘un scurdari lu nnomu ch’havia,
ad ogni passu lu rripitìa.
“Sceccu mi chiamu, nun sugnu mulu,
cû nnomu sceccu cci sugnu iu sulu”.
Sta litanìa a longu durò
pi nfinu a quannu lu sceccu ammagghiò.
Di la testa veru gluriusa,
lu nnomu scappa e rresta cunfusa.
Arreri torna nni lu Signuri
e cci ddumanna lu stissu favuri.
E lu Signuri, cu santa pacenza :
“Sceccu ti chiami, no Arca di scienza”.
“Sceccu mi chiamu, cchiù nun lu scordu,
ca sugnu sceccu mi nn’arriordu”.
Ma si rripeti la stissa fattetta
e lu Signuri ô passu l’aspetta.
Perdi li staffi, l’aricchi cci afferra
e cci li tira ca pari na guerra.
“Sceccu, sciccuni, lu voi capiri,
si propriu sceccu, nun poi falliri”.
Cu lu tirari l’aricchi allungaru
e longhi longhi cci addivintaru.
Eccu spiegatu, perciò, lu misteru
pirchì lu sceccu è sceccu daveru.

 

Biagio Scrimizzi, siciliano di Naso ma palermitano di adozione, è stato scrittore, regista, giornalista, attore e conduttore radiofonico, oltre che ideatore di fortunate rubriche nella RAI di Palermo. Si ricorda in particolare la trasmissione radiofonica “Il Siciliano tra dialetto e lingua”.
Ha pubblicato per le edizioni Ila Palma i seguenti volumi in poesia e in prosa “Giufà per il verso giusto” “L’accelerato delle sei”, “Palermo felix”, “ Il mio bosco”, “Tinitili astutati li cannili”, “Lo strambotto”, “ Spigolature dall’isola”, Fascino del bosco. Con l’Editore Antares ha pubblicato Filastrocche da fiabe e leggende siciliane con prefazione di Aldo M.D’Asdia.
Biagio Scrimizzi ci ha lasciati nel 2018 all’età di 92 anni.

La versione in italiano, sempre di Biagio Scrimizzi, della poesia :

Perché l’asino ha le orecchie lunghe

Quando il Signore Il mondo creò
ad ogni bestia un nome assegnò
L’asino chiese:” Come m’appello?
che sia, Signore, un nome assai bello!”
“Sì, certamente, ti puoi consolare,
un gran bel nome ti voglio dare.
Per tutti Asino ti chiamerai
e questo nome mai cambierai”.
Tutto giulivo l’asino lesto
verso la stalla corre più presto.
Ma per la strada il nome scordò
e dal Signore in fretta tornò.
“Oh mio Signore non so il perché
ma il mio nome mi sfugge, ahimè”
“Ti chiami Asino” disse il Signore
“tienilo a mente , fammi il favore”
Torna indietro l’asino lesto
e per la stalla s’avvia più presto.
Per non scordare il nome che aveva
ad ogni passo lo ripeteva.
“Asino sono, non tigre, né gallo,
Asino ogn’ora non casco più in fallo”.
La litania a lungo durò
fino a che l’asino il nome scordò.
Di nuovo torna dal Signore
e gli domanda lo stesso favore.
Ed il Signore con santa pazienza:
“Asino sei non arca di scienza”.
“Asino sono, me lo ricordo
ch’io sono Asino più non lo scordo”.
Ma si ripete la stessa scena
E il Signore urla “Che pena!”.
Perde le staffe, le orecchie gli afferra
e gliele tira: pare una guerra!
Dal gran tirare s’allungano tanto,
son chilometriche, sono uno schianto.
Ecco spiegato, quindi, il mistero
Perché il ciuco è un asino vero.

Giusi Mangione

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.