Promontorio Nord, spettacoli all’imbrunire: “Cleopatra” con Carmen Panarello

Torna, per il terzo anno consecutivo, alla Tenuta Rasocolmo, in contrada Piano Torre, la suggestiva rassegna teatrale con la direzione artistica di Roberto Bonaventura. Stavolta l’atmosfera magica del tramonto di Capo Rasocolmo farà da cornice alla piece teatrale “Cleopatra” di Gianni Guardigli, a cura di e con Carmen Panarello, con la collaborazione al progetto di Giampiero Cicciò.
È la storia di una donna di Rimini, proprietaria dell’Hotel del Lido che, ereditato dal padre Tolomeo quando era un bar, viene invece da lei trasformato in un grande Hotel i cui clienti arrivano da tutto il mondo. Qui incontra Munir, siriano, con il quale l’intraprendente donna d’affari, per sempre accompagnata dagli stessi sogni di bambina e dalle tante voci del luogo in cui sempre è vissuta, intreccia un legame che diviene amore. Questa Cleopatra, piccola borghese, inconsapevolmente permeata di sottili vene di razzismo, si trova a dovere difendere questo essere umano, la sua rettitudine il suo rigore morale e la bella storia che nasce con lui. Munir, profondamente legato alla sua patria, anche lui sognatore ma di una possibilità di rivincita democratica in quel suo paese devastato dalla guerra, non riuscirà purtroppo a non ritornarvi, spesso, fino alle estreme conseguenze che coinvolgeranno inevitabilmente Cleopatra.
Questa “Cleopatra nostrana” porta quindi dentro di sé una predestinazione neanche tanto nascosta, non a caso, il nome stesso dipinge un destino preciso.
La protagonista del testo, che si svolge infatti ripercorrendo alcune linee drammaturgiche dell’ “Antonio e Cleopatra” di William Shakespeare, oscilla tra ricordi, disperazione, intemperanze, liricità in un accattivante ed efficace suono del dialetto romagnolo fino a seguire, anche se quasi velatamente, la fine tragica dell’ imperatrice, qui appena accennate per lasciare lo spazio ad un paesaggio vincente: anche loro come gli storici amanti resteranno uniti per sempre, chissà, ma in quel mare che li ha divisi.
La Cleo, la regina romagnola, corre in fondo al suo destino coperta di veli regalati da Munir, quell’uomo che le ha dato la forza stessa di esistere e di distinguersi in una società tanto ottusa.

Il costo dello spettacolo è comprensivo di una degustazione siciliana.

Tenuta Rasocolmo
SS. 113 KM 23,200 Vico degli Ulivi, Contrada Piano Torre
98163 – Messina (ME)
Telefono +39 393 3343760
email info@cantinagiostrareitano.com

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.