Taobuk, Festival Internazionale del libro a Taormina dal 24 al 28 giugno

di Giusi Mangione

Padri e figli è il tema della settima edizione del Taormina Book Festival in programma dal 24 al 28 giugno. Quest’anno il palinsesto è stato contratto in cinque giornate, senza però una flessione nel numero di eventi e di ospiti, ciò per andare incontro alle esigenze di chi pianifica il proprio soggiorno a Taormina in funzione del calendario di Taobuk.

“Padri e Figli”, un argomento che apre un’ampia riflessione sul senso dell’identità, della dialettica tra tradizione e innovazione, tra radici e prospettive. La programmazione degli appuntamenti è caratterizzata da alcune strisce che contribuiscono a declinare il tema, con un’attenzione particolare al cinema, alla cultura enogastronomica, alla letteratura per ragazzi, proponendo importanti lezioni magistrali tenute da alcuni dei più autorevoli maîtres à penser del nostro tempo: dalla filosofa Agnes Heller allo storico Luciano Canfora, dallo scrittore Abraham Yehoshua allo psicanalista Luigi Zoja.

Tra le novità, l’autorevole supporto di un prestigioso Comitato Scientifico, la sinergia con il Festival Buk Modena che porterà a Taormina piccoli e medi editori per trasformare il Corso Umberto in un percorso di libri e suggestioni e un’importante mostra fotografica, dedicata a Inge Feltrinelli e Giulio Bollati, che racconterà lo sguardo dei due grandi editori sul Novecento e i suoi protagonisti culturali.

Si inizia, sabato sabato 24 con la consegna, al teatro greco Taormina, dei Taobuk Awards che quest’anno sono stati assegnati agli scrittori Abraham Yehoshua e Domenico Starnone (Taobuk Award for Literary Excellence), al magistrato e saggista Nicola Gratteri (Taobuk Award all’impegno civile), al regista Gianni Amelio (Taobuk Award per il film La tenerezza), agli attori Luigi Lo Cascio (Premio una vita per l’arte) e Christian De Sica (Premio come protagonista del film Fraülein).
La serata condotta dal giornalista Alessio Zucchini e da Antonella Ferrara, presidente e direttore artistico di Taobuk, si concluderà con l’esibizione della cantante israeliana Noa accompagnata dall’Orchestra del Teatro Bellini di Catania, diretta dal M° Domenico Sanfilippo.

Il programma dei giorni successivi alquanto articolato (link) prevede sette sezioni: Padri e figli in cucina, curata dalla giornalista e critica enogastronomica Fernanda Roggero che dialogherà tra con gli chef Carlo Cracco Carlo Cracco, Heinz Beck, Niko Romito, Ciccio Sultano; L’inchiostro e lo sguardo: immagini di due testimoni del 900, una mostra fotografica dedicata a Inge Feltrinelli e Giulio Bollati; Taokids, un cartellone dedicato ai più piccoli, a cura di Carla Virzì in collaborazione con Annalisa Galeano, Francesca Adif e Cecilia Corsaro; la Fiera della piccola e media editoria, in collaborazione con Buk Festival di Modena che si svilupperà nelle principali vie di Taormina; Letteratura arte e cinema a cielo aperto a cura di Alfio Bonaccorso; Born in Sicily per promuovere le eccellenze enogastronomiche siciliane; Corso di racconto e di sceneggiatura cinematografica in collaborazione con la Scuola Holden di Torino.

Taobuk torna ad essere il vettore di una potente esperienza collettiva, il desiderio condiviso di ritrovarsi insieme, dentro e fuori dal tempo, per incrociare gli sguardi e le sensibilità di tutti in un progetto che vive e si alimenta del desiderio di partecipazione di ciascuno.

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.