Taormina, convegno “Dal terremoto di Messina al crollo del ponte Morandi”

di Giuseppe Spanò

Messina per due giorni sarà al centro dell’attenzione tecnica di tutta Italia.

L’Ordine ingegneri, in collaborazione con il Consiglio Nazionale d’Italia, il Dipartimento Ingegneria di Messina e la Consulta Ingegneri di Sicilia, ha organizzato un convegno sismico che vedrà tra più quotati relatori in campo strutturale a livello Italiano. L’evento è in corso di svolgimento oggi e domani 8 novembre presso l’Hotel Baia Taormina.

Non a caso è stata scelta Messina, simbolo di un disastro che ha posto in essere un nuovo modo di costruire, basato più sulla sicurezza che sull’architettura. Edifici tozzi, regolari in pianta e non estremamente alti a simboleggiare una cultura derivante dalla paura “del difendersi” dalla forza della natura. Anche per questo gli eccelsi scienziati hanno deciso di confrontarsi con i tecnici isolani a testimoniare che proprio Messina rappresenta la “culla” dell’ingegneria sismica.

Oltre ai ben conosciuti docenti dell’Università di Messina (Prof.ri Falsone, Ricciardi e Recupero), saranno presenti il Prof. Emerito Mario Di Paola per anni considerato il portavoce Siciliano dell’Ingegneria strutturale, la Prof.ssa Lidia La Mendola Ordinario di Tecnica delle Costruzioni di Palermo, il Prof. Carlo Pellegrino Preside del Dip. Ingegneria di Padova e Messinese doc, l’Ing. Giovanni Cardinale Vice Presidente del Consiglio Nazionale Ingegneri e Professionista di fama internazionale oltre all’Ing. Massimo Mariani conosciutissimo per le quasi quotidiani apparizioni su Rai e Sky, sempre pronto a spiegare con un linguaggio semplice le dinamiche degli eventi naturali che troppo spesso stanno interessando il territorio Nazionale.

Ci sarà anche il Prof. Edoardo Cosenza Ordinario dell’Università Federico II di Napoli considerato attualmente la massima espressione Italiana dell’Ingegneria strutturale.

A conclusione del corso sarà prevista una tavola rotonda che vedrà un docente per città, in rappresentanza dei vari Dipartimenti d’ingegneria Siciliani. Oltre 250 iscrizioni con tecnici provenienti da tutta la Sicilia, nella due giorni culturale messinese.

Messina non solo la città “colpita” dal terremoto del 1908, ma il luogo di nascita di un ingegneria diversa, meno bella, ma sicuramente più sicura rispetto ad un patrimonio edilizio nazionale “antico” caratterizzato da costruzioni che prescindevano dall’azione sismica. Si parlerà anche di ponti e viadotti. La maggior parte di essi vetusti, datati e costruiti con tecniche oggi non più attuali. Cosa fare e come rendere sicure strutture imponenti? C’è il rischio che possa accadere una nuova tragedia simile a quella del crollo del ponte Morandi?

La parola quindi agli esperti…

Prevista e confermata la presenza del Sindaco di Messina, del Presidente Nazionale Ingegneri e dell’Assessore Regionale Falcone, oltre ai Presidenti degli Ordini Isolani.

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.