Teatro Vittorio Emanuele: “Sogno di una notte di mezza estate”

“Se noi ombre vi abbiamo irritato non prendetela a male, ma pensate di aver dormito, e che questa sia una visione della fantasia… noi altro non v’offrimmo che un sogno”.

“Sogno di una notte di mezza estate”, una commedia sull’amore, capolavoro assoluto del Bardo, in scena al Teatro Vittorio Emanuele il 6 e 7 aprile 2019.

Il sogno di una notte di mezza estate fu scritta con tutta probabilità tra il 1595 e il 1596. Questa commedia è una delle prime scritte da Shakespeare, certamente una delle più popolari. Il tema principale della commedia-fiaba, è ancora una volta l’amore romantico, che a differenza degli altri play viene quasi sbeffeggiato, deriso, senza che per questo motivo perda di significato.

La trama principale si snoda attorno alle vicende amorose di Ermia e Lisandro, e di Elena e Demetrio, le cui avventure sentimentali sono complicate dall’entrata in scena di Oberon e Titania, re e regina delle fate che, servendosi di un folletto di nome Puck, creano scompiglio ai sentimenti degli amanti. Mito, fiaba, e quotidianità s’intersecano continuamente senza soluzione di continuità e questo porta a riconoscere, all’interno di questa originale versione del noto testo shakespeariano, suggestioni che vanno da fonti classiche al patrimonio folkloristico tipico dell’Inghilterra sempre originalmente e genialmente contaminati e ricreati dalla fervida fantasia dell’adattamento. Il Sogno di una notte di mezza estate è un vero e proprio teorema sull’amore ma anche sul nonsense della vita degli uomini che si rincorrono e che si affannano per amarsi, che si innamorano e si desiderano senza spiegazioni, che si incontrano per una serie di casualità di cui non sono padroni.

Spettacoli: Dal 06 aprile 2019 al 07 aprile 2019
Sabato ore 21:00
Domenica ore 17:30
Domenica ore 21:00

 

Sogno di una notte di mezza estate
di William Shakespeare
adattamento Massimiliano Bruno
con Stefano Fresi, Violante Placido, Paolo Ruffini
e Augusto Fornari nel ruolo di Obelon
i comici Maurizio Lops, Rosario Petix, Dario Tacconelli, Zep Ragone
gli innamorati Alessandra Ferrara, Antonio Gargiulo, Tiziano Scrocca, Sara Baccarini
Teseo Daniele Coscarella, fata Annalisa Aglioti
scene e costumi Carlo De Marino
musiche Roberto Procaccini
light designer Marco Palmieri
produzione esecutiva Fabrizio Iorio
regia di Massimiliano Bruno
prodotto da Francesco e Virginia Bellomo per Corte Arcana

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.